Chi è l'ortottista

L'Ortottista è un professionista sanitario che tratta i disturbi motori e sensoriali della visione per prevenire anomalie e disturbi visivi principalmente in età prescolare e scolare. Le visite ortottiche di prevenzione servono per valutare la presenza di eventuale strabismo, alterazioni della motilità oculare, deficit visivi e della convergenza, difetti refrattivi, anomalie sensoriali a carico della visione tridimensionale e simultanea di entrambi gli occhi.



Grazie ad un programma di screening ortottico diventa possibile indirizzare il paziente verso gli opportuni approfondimenti ed intraprendere trattamenti di riabilitazione ortottica per il ripristino di una corretta visione. A tal fine, è importante la tempestività della visita: per esempio, nel caso della prevenzione dell’ambliopia (occhio pigro), si consiglia una diagnosi intorno ai 3-4 anni di vita.


RELAZIONI TRA OCCLUSIONE, VISIONE E POSTURA

Negli ultimi anni sono stati fatti numerosi passi avanti sull’importanza del porre in relazione i sistemi di organi per avere diagnosi corrette. Tra queste relazioni funzionali assume una grande rilevanza l’interazione tra sistema oculare e apparato stomatognatico (insieme di tutte le strutture coinvolte nella formazione e nella nutrizione, masticazione e deglutizione del cibo). Numerosi studi hanno evidenziato che spesso le alterazioni del sistema oculomotorio dipendono dalle modificazioni degli equilibri funzionali a carico di mandibola e denti. Particolare attenzione va posta al Nervo Trigemino (un importante nervo cranico), che svolge una duplice funzione sensoriale e motoria, con numerose relazioni tra le funzioni visive e quelle della masticazione.
Lo studio e la corretta diagnosi e cura delle alterazioni a carico di questi sistemi presenti nella testa, garantisce anche una postura corretta e una migliore funzionalità muscolo scheletrica generale.


EVIDENZE CLINICHE

Di seguito tracciamo una rapida descrizione di alcuni casi che segnalano quali interventi stomatognatici possono aver in qualche modo favorito il recupero del deficit di convergenza oculare.

Postura della lingua
L’alterazione della postura linguale è spesso causa o concausa di disfunzione. Infatti si è visto che il ripristino di una corretta deglutizione ha risolto problemi di astenopia (stanchezza oculare) normalizzando la convergenza oculare.

Problemi della mandibola e delle articolazioni
In soggetti con mandibola dolorante ed errata postura, si possono determinare anche problemi della mobilità oculare. Spesso questi problemi vengono risolti con un apposito Bite, studiato per compensare il deficit posturale.


CONCLUSIONI

Da quanto esposto possiamo affermare che una adeguata diagnosi e terapia da parte dell’Ortottista e del Dentista, possono scongiurare in molti casi l’uso della chirurgia e di pratiche maggiormente invasive a carico dei pazienti.
Per questo motivo è importante una sinergia costante e multidisciplinare tra le varie professionalità che si occupano della salute dentale.
La prevenzione, fin dai primi anni di vita, gioca un ruolo rilevante.